STAIMANZO.COM HOME PAGE | FAVORITES | | BLOG | | ANTOLOGIA | | BIBLIOTECA | | DOWNLOAD |
Previsioni economiche e astrologia
Critica delle stime economiche
11 Marzo 2009 - Da sempre uno dei cavalli di battaglia di Staimanzo.com e' stata la scarsa fiducia negli organi istituzionali che regolano la finanza mondiale e negli strumenti finanziari piu' alla moda. Adesso, dopo che il mondo finanziaria e' entrato in crisi, tirandosi dietro la cosidetta economia reale, la polemica arriva all'attenzione anche degli organi ufficiali.

Oggi Vittorio Carlini su Il Sole 24 Ore Online firma un articolo titolato "Economia, quando le stime non prevedono la recessione". L'articolo cerca di spiegare come mai le stime e le previsioni non hanno previsto il crollo del sistema finanziario e del PIL mondiale. La continua revisione di quanto previsto solo qualche mese prima ha fatto venire a galla la non attendibilita' di queste stime e ha fatto nascere dei dubbi sulla prevedibilita' stessa dell'andamento dell'economia.

In tempi non sospetti, John Kenneth Galbraith gia' sosteneva che "The only function of economic forecasting is to make astrology look respectable", ossia che le previsioni economiche hanno la stessa validita' scientifica dell'astrologia.

Infatti il punto e' proprio questo, dire che tra un anno il PIL di un certo paese crescera' del 2.0% e' un assurdo scientifico come dire che domani troveremo la nostra anima gemella. Il problema e' che le variabili in gioco sono troppe per poter fare stime accurate, si puo' ipotizzare un certo andamento con un certo grado di confidenza, ma dare un numero preciso, magari seguito anche da qualche decimale non ha molto senso. Facendo un paragone metereologico, un conto e' dire che domani sara' nuvoloso e un altro e dire che il 25 Aprile a Gorgonzola piovera' dalle undici a mezzogiorno. Mi vengono in mente certe pubblicita' delle creme antirughe: "54.7% di rughe in meno". Ma come lo hai misurato? Non e' meglio accontentarsi di dire che le rughe si dimezzano?

A meno che le previsioni economiche non abbiano lo stesso scopo della pubblicita' contro le rughe: reclamizzare certi prodotti finanziari o certe politiche economiche nascondendo il marketing dietro a dei numeri che hanno la parvenza di una verita' scientifica. Se dicono che nel prossimo mese la borsa salira' del 10% (anzi del 9.98%) cosa credete che succedera? Tipicamente aumenteranno gli investimenti in borsa e quindi la borsa salira'. Profezie che si autoavverano, cosi' si chiamano.

Staimanzo.com
marcello.novelli@gmail.com
L'articolo di Vittorio Carlini
Wikipedia - Profezia che si autoavvera
marcello.novelli@gmail.com