Staimanzo.com Home Biblioteca
LA BIBLIOTECA

Svevo, Italo

La coscienza di Zeno

Repubblica

800 - Letteratura

Data Acquisizione: 21/02/2004

Anno prima edizione: 1923

Anno stampa: 2002

Pagine: 383

Lingua: ITA

Recensione:
La finzione letteraria degli appunti presi come parte della terapia psicoanalitica a cui si sottomette permette a Svevo di raccontare il protagonista, Zeno Cosini, senza badare alla completezza delgli avvenimenti ne tantomeno doversi confrontare con le incoerenze del racconto. Essendo il resoconto di un nevrotico, malato di una malattia che esiste solo nella sua mente, Zeno si perde in lunghi ragionamenti che lo portano sempre lontano da dove vuole arrivare e che spesso sostituiscono i fatti diventando essi stessi la realtà.

Partono da qui:

  • Woolf, Virginia - Gita al faro: La coscienza di Zeno, come molti altri libri del primo dopoguerra, spostano l'attenzione dai fatti ai pensieri. Incominciado quindi a raccontare i problemi delle classi alte, perchè di quelle si parla perlopiù nei libri, non più in termini di avventure e conflitti, ne tantomeno in termini di sentimenti, ma come un malessere che diventa il tratto caratterizzante dell'uomo moderno. A scuola ci facevano leggere il brano Il calzerotto marrone tratto da Gita al faro di Virginia Wolf per insegnarci che la storia delle persone è fatta anche dei suoi pensieri. Partendo da un insignificante calzerotti marrone il flusso del ragionamento può portarci ad esaminare diversi aspetti della vita, flusso di ragionamenti che in letteratura viene rappresentato con il cosidetto monologo interiore.
  • Freud, Sigmund - Psicoanalisi della società moderna: La coscienza di Zeno è dichiaratamente un romanzo psicoanalitico, scritto come componente di una terapia psicoanalitica. E' anche un romanzo moderno, perché Zeno è un uomo moderno caratterizzato da una vita fortunata e felice se non fosse per i problemi, tutti molto moderni, con il padre, con il fumo, con le donne, con il desiderio, persino con il dottore che lo ha in cura.
  • Note:

    * La Coscienza di Zeno rappresenta, insieme a Una vita e Senilità, l'ultimo libro di una triologia sull'inettitudine dell'uomo moderno.

    * Come sa qualsiasi fumatore, non esiste niente di meglio dell'ultima sigaretta, soprattutto se questa fa parte di un lungo tentativo di smettere di fumare. Un minuto dopo averla fumata non ci sarà piaciuta per niente, ma prima è oggetto di ogni desiderio, è insieme il peccato e il perdono. Appare inevitabile, anche se lo sarebbe facilmente. E, va detto, in questo somiglia alle migliori storie d'amore.

           
    Psicanalisi
    Trieste
    Uomo moderno
    Novecento